Novità per le concessioni demaniali


L’art. 100 del Decreto Agosto ha introdotto importanti novità per le concessioni del demanio marittimo, lacuale e fluviale.

Dal 1° gennaio 2021 l’importo annuo del canone dovuto quale corrispettivo dell’utilizzazione di aree e pertinenze demaniali marittime con qualunque finalità non può, comunque, essere inferiore a euro 2.500.


Inoltre, nelle more della revisione e dell’aggiornamento dei canoni demaniali marittimi, sono sospesi fino al 15 dicembre 2020 i procedimenti amministrativi pendenti al 15 agosto 2020 e sono inefficaci i relativi provvedimenti già adottati oggetto di contenzioso, inerenti al pagamento dei canoni, compresi i procedimenti e i provvedimenti di riscossione coattiva, nonché di sospensione, revoca o decadenza della concessione per mancato versamento del canone, concernenti:


– le concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative, con esclusivo riferimento a quelle inerenti alla conduzione delle pertinenze demaniali;


– le concessioni demaniali marittimo per la realizzazione e la gestione di strutture dedicate alla nautica da diporto.


Al fine di ridurre il contenzioso relativo alle concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative e per la realizzazione e la gestione di strutture dedicate alla nautica da diporto, i procedimenti giudiziari o amministrativi pendenti al 15 agosto 2020, concernenti il pagamento dei relativi canoni, possono essere definiti, previa domanda all’ente gestore e all’Agenzia del demanio da parte del concessionario, mediante versamento:


– in un’unica soluzione, di un importo, pari al 30 per cento delle somme richieste dedotte le somme eventualmente già versate a tale titolo;


– rateizzato fino a un massimo di sei annualità, di un importo pari al 60 per cento delle somme richieste dedotte le somme eventualmente già versate a tale titolo.


La domanda per accedere alla suddetta definizione deve essere presentata entro il 15 dicembre 2020 ed entro il 30 settembre 2021 deve essere versato l’intero importo dovuto, se in un’unica soluzione, o la prima rata, se rateizzato.


er le concessio